q Gli Sdraiati

Gli Sdraiati

3,50 http://www.myhomevideo.it/COVER/Gli Sdraiati 23-11-2017 Num 16.jpg
Il tuo Voto :

110 min

Origine: ITALIA

Anno Produzione: 2017

Genere: COMMEDIA

Data Uscita: novembre 23, 2017

Regia: FRANCESCA ARCHIBUGI

Tratto Da: ROMANZO OMONIMO DI MICHELE SERRA (ED. FELTRINELLI)

Produzione: FABRIZIO DONVITO, BENEDETTO HABIB, MARCO COHEN, ANDREA OCCHIPINTI PER INDIANA PRODUCTION, LUCKY RED, CON RAI CINEMA,

Distribbuzione: LUCKY RED

Sceneggiatura: FRANCESCO PICCOLO, FRANCESCA ARCHIBUGI

Fotografia: KIKA UNGARO (CHICCA UNGARO)

Musiche: BATTISTA LENA

Montaggio: ESMERALDA CALABRIA

Scenografia: SANDRO VANNUCCI

Effetti:

Costumi: BETTINA PONTIGGIA

Film uscito Add to watchlist



Trama

Dopo la separazione, anni fa, Giorgio Selva ha ottenuto l'affido condiviso e si occupa per metà tempo del figlio Tito, di diciassette anni. E' un uomo realizzato, avrebbe una vita appagante, ma insieme all'adolescenza di Tito è scoppiata una guerra quotidiana. Tito ha una banda di amici, tutti maschi, troppo lunghi, troppo grassi, troppo magri, spaccano rovesciano inzaccherano mentono fuggono puzzano. Stanno sempre appiccicati, da scuola al divano, dal divano a scuola, fino a che non irrompe Alice. La nuova compagna di classe, occhi azzurri e torvi, parla poco, non sorride mai. Tito si innamora. Ad un colloquio dei professori Giorgio scopre con ansia che Alice è la figlia di Rosalba, una donna che era stata a casa loro diciassette anni prima. Era un po' domestica, assistente, factotum; poi Rosalba sparì di botto e nessuno ne seppe più nulla. Adesso è riapparsa come madre di Alice, quasi minacciosa, parla di soldi, non si capisce cosa voglia. Fra Alice e Tito si instaura un legame vero, esclusivo, la prima intimità psichica e fisica. Giorgio attraversa le sue giornate abitato da fantasmi, sensi di colpa, ma il destino ha scarti imprevedibili, sembra che stia lì a insegnare a padre e figlio come scambiarsi la fatica di diventare adulti e la fatica di invecchiare.

La recensione del film di FRANCESCA ARCHIBUGI

"Libro e poi monologo teatrale, il testo di Serra cambia pelle nel film della Archibugi che ritrova la vena malinconica del debutto e si dichiara alla nuova Milano dove i tram funzionano ma i rapporti umani tamponano ed hanno ritardi. Con felicità d'invenzioni il ménage figlio padre fa le fusa sui temi seri, sorridendo: il rischio di buonismo progressista alla 'Che tempo che fa' è evitato, la classe sociale sta in contro luce, Bisio è di una misura speciale in offerta a un dramma sottinteso. (...) Gaddo Bacchini, ben scelto (...). II racconto funziona senza intoppi, allude e si ritrae, si affida alla bravura dei volti intelligenti della Fracassi, Cochi, Dettori e per merito di Antonia Truppo la scena madre diventa cult." (Maurizio Porro, 'Corriere della Sera' 23 novembre 2017)

Attori






Trailer & Foto

                             
                             
                             
                             
                             
                             
                             
                             
                             
                             
                             
                             
                             
                             
                             
                             
                             

Nelle Sale della tua Città

Città
Date
Cinema Visualizza mappaVisualizza tabella Orari

Lascia un Commento










In risposta a

immetti il tuo Nome.


Se vuoi ricevere la segnalazione alle risposte o commenti lascia la tua mail (non sarà visibile nel post)

Immetti il messaggio post.