q La Fidanzata Di Papa

La Fidanzata Di Papa

1 http://www.myhomevideo.it/COVER/La Fidanzata Di Papa Num 01.jpg
Il tuo Voto :

95 min

Origine: ITALIA

Anno Produzione: 2008

Genere: COMMEDIA

Data Uscita: novembre 14, 2008

Regia: ENRICO OLDOINI

Tratto Da:

Produzione: MEDUSA FILM IN COLLABORAZIONE CON SKY

Distribbuzione: MEDUSA

Sceneggiatura: ENRICO OLDOINI

Fotografia: GIANLORENZO BATTAGLIA

Musiche: ALESSANDRO MOLINARI

Montaggio: MAURO BONANNI

Scenografia: PAOLA RIVIELLO

Effetti: ENRICO PIERACCIANI

Costumi: GIUSEPPE TRAMONTANO

Film uscito Add to watchlist



Trama

Barbara e Matteo sono due ragazzi italiani, in attesa di un bambino, che vivono e lavorano a Miami. Massimo, il padre di Matteo, vedovo e titolare di un albergo nel centro di Cortina, va a Miami per incontrarsi con il figlio e lascia a casa la sua fidanzata, Luminosa, con cui vive una relazione segreta. Durante il soggiorno in America, Massimo perde la testa per Angela, la madre di Barbara, una donna manager proprietaria di una catena di ristoranti. Le cose si complicano quando, al momento della nascita, si scopre che il neonato è di colore. Matteo scappa, mentre tutta la famiglia si trova ad affrontare un problema apparentemente insolubile.

La recensione del film di ENRICO OLDOINI

"Lo sdoppiamento del cinepanettone dopo la separazione Boldi - De Sica porta a giocare d'anticipo. Le regole sono quelle della farsa e della pochade infarcita di motivi parodistici e valanghe di volgarità. Può anche darsi che ciò che appare desolante non sia in realtà tanto diverso dai prodotto non migliori degli anni Cinquanta - Totò per esempio - che tuttavia oggi, al confronto, ci sembrano firmati da Ingmar Bergman, anziché da Camillo Mastrocinque. L'effetto però è questo." (Paolo D'Agostini, 'la Repubblica', 14 novembre 2008) "No, ognuno sembra seguire il proprio percorso, indipendentemente da quello che fanno gli altri personaggi, secondo una logica che non è mai, nemmeno lontanamente, quella dell'orologio che ride (per usare la formula con cui venivano definite le commedie slapstick della Hollywood classica) ma piuttosto quella del proprio numero in scena. Uno entra, fa il suo numero e poi torna dietro le quinte, ad aspettare di essere richiamato. Verrebbe da dire che è una logica più da cabaret che da cinema, più da Zelig (da cui non a caso arriva Teresa Mannino) e da varietà televisivo (dove è rinato Frassica) che da cinema. Ma forse vorrebbe dire usare ancora una volta categorie critiche non coerenti. Queste cose, almeno Oldoini, le sa benissimo; ripeterle sarebbe un'offesa da sua intelligenza. Piuttosto questa 'logica del frammento' risponde all'esigenza di conquistare un pubblico che attraverso la programmazione sempre più parcellizzante dei multiplex sta abituandosi a un cinema che di cinema non ha più niente o quasi. Un pubblico che sembra cercare sullo schermo non un film ma la riproposizione 'cinemascope' di abitudini e divertimenti formatisi e consolidatisi altrove, in ambiti dove la risata non nasce dal concatenarsi degli eventi e dei dialoghi ma dalla riproposta di slogan e situazioni codificate (e per questo riconoscibili). E che è difficilissimo, se non impossibile, imprigionare in un giudizio sintetico e univoco." (Paolo Mereghetti, 'Corriere della Sera', 14 novembre 2008) "Divertente: Massimo Boldi come sempre. Impressionante: Biagio Izzo che si veste e agisce da donna per non perdere il posto da segretaria, che fa innamorare lo sgangherato Enzo Salvi proprietario e chef di un ristorante. Imprevisto: il nipotino di Boldi nasce nero, nero, nero, suscitando in famiglia la massima confusione. Immaginabile: ricchissima manager che vive a New York, la eventuale fidanzata di papà Simona Ventura è troppo aggressiva, autoritaria, e non trae vantaggio dal grande schermo. Ingannevole: la città di Miami, presentata come un paradiso trionfale mentre nella realtà è abbastanza squallida" (Lietta Tornabuoni, 'La Stampa', 14 novembre 2008) "Equivoci, travestitismo, nonsense linguistico, insistiti e autolesionisti, nudi integrali di Boldi. Così scemo da essere quasi divertente. E' il primo film 'obamiano' della Storia. Altro che razzista. Complimenti agli sceneggiatori (Oldoini e Costella) per aver rischiato una trama che se le elezioni Usa fossero andate in modo diverso, sarebbe stata molto meno efficace." (Francesco Alò, 'Il Messaggero', 14 novembre 2008) "'La fidanzata di papà' è una commedia degli equivoci scritta, senza troppo impegno, e diretta da Enrico Oldoini." (Massimo Bertarelli, 'Il Giornale', 14 novembre 2008) "Commedia pre Natalizia boldiana, che già interpreta un certo sentimento italiaota dell'epoca Obama. Una sorta di 'Indovina chi viene a cena' con bimbo nero inatteso da una coppia di giovani brianzoli sbarcata a Miami. Battute 'berlusconiane' per una farsa nostalgica degli anni '80." (Dario Zonta, 'L'Unità', 14 novembre 2008) Vedi se il film è attualmente in programmazione

Attori






Trailer & Foto

                             

Nelle Sale della tua Città

Città
Date
Cinema Visualizza mappaVisualizza tabella Orari

Lascia un Commento










In risposta a

immetti il tuo Nome.


Se vuoi ricevere la segnalazione alle risposte o commenti lascia la tua mail (non sarà visibile nel post)

Immetti il messaggio post.