Paddington

3,70 http://www.myhomevideo.it/COVER/Paddington Num 02.jpg
Il tuo Voto :

97 min

Origine: GRAN BRETAGNA, FRANCIA, CANADA

Anno Produzione: 2014

Genere: COMMEDIA

Data Uscita: dicembre 25, 2014

Regia: PAUL KING (II)

Tratto Da: LIBRO "L'ORSO PADDINGTON" DI MICHAEL BOND (ED. MONDADORI)

Produzione: HEYDAY FILMS, STUDIOCANAL, DHX MEDIA

Distribbuzione: EAGLE PICTURES

Sceneggiatura: HAMISH MCCOLL

Fotografia: ERIK WILSON

Musiche: NICK URATA

Montaggio: MARK EVERSON

Scenografia: GARY WILLIAMSON

Effetti: MARK HOLT

Costumi: LINDY HEMMING

Film uscito Add to watchlist



Trama

L'orsetto Paddington è cresciuto nel profondo della giungla peruviana con la zia Lucy che, ispirata dall'amicizia con un esploratore inglese, lo ha allevato insegnandogli a preparare marmellate, ad ascoltare la BBC e a sognare una vita eccitante a Londra. Tuttavia, quando un terremoto distrugge la loro casa, zia Lucy decide di "spedire" il giovane nipote in Inghilterra in cerca di una vita migliore. Confidando nella gentilezza di qualche anima buona lega al collo del nipote un'etichetta con su scritto semplicemente: "Per favore prendetevi cura di questo orso. Grazie". Giunto nella capitale inglese, alla stazione di Paddington, l'orsetto si perde e ben presto scopre che Londra non è così accogliente come credeva, ma piuttosto un'affollata, vivace metropoli dove nessuno si accorge di lui. Per fortuna, però, incontra la famiglia Brown che, dopo avergli dato il nome della stazione in cui lo ha trovato, gli offre un posto dove stare. Da quel momento Paddington inizia la sua missione: andare alla ricerca dell'esploratore che tanti anni prima aveva tanto colpito sua zia Lucy...

La recensione del film di PAUL KING (II)

Orsù… dovete scegliere l’orso in cgi che preferite. Volete il Ted di MacFarlane (scurrile, drogatone, perdigiorno, sessuomane e infantile) o il Paddington di King dai libri di Bond (educato, serio, disciplinato e dolcissimo)? King non è Stephen ma Paul e Bond non è James ma Michael. Sono rispettivamente regista e padre letterario dell’unica piacevolissima uscita in sala di questo Natale italiano 2014 ovvero Paddington. Comunque e qualunque orso scegliate… scegliete bene perché sia la commedia scorretta della crescita maschile di MacFarlane datata 2012 che l’avventura favolistica oggi diretta da King sono due eccellenti prodotti cinematografici. Il film di Paddington, libero e audace adattamento tratto dai libelli che l’ottantottenne Bond scrisse a partire dal 1958 poi diventati anche serie tv di successo dal 1975, vede il nostro orsetto educato arrivare via nave a Londra dal lontano, e soprattutto misterioso, Perù. Prima, in un delizioso prologo che gioca con il linguaggio del documentario (sembra di vedere il geniale mockumentary Forgotten Silver di Costa Botes e Peter Jackson), avevamo assistito alla scoperta da parte di un esploratore britannico di una bizzarra famiglia di rari orsi (il Tremarctos ornatus), in grado di parlare e imparare molto velocemente le squisite gioie di un’impeccabile educazione british. E’ questo il formidabile gancio in sceneggiatura per giustificare l’arrivo dell’orsetto nella capitale britannica. Paddington, nipote di quegli orsi sui generis scoperti dall’esploratore nel misterioso Perù (l’irresistibile tormentone del film), è approdato a Londra dopo un cataclisma naturale e lì dovrà cercare riparo e conforto. Incontrerà un’adorabile famigliola di squinternati ma umanissimi poveri diavoli composti da madre sognatrice, padre apprensivo, figlio represso e figlia problematica (semplicemente perché è adolescente). Davvero fantastici questi signori Brown, realistici e fantasy insieme, soprattuto grazie al padre di Hugh Bonneville (una prova magistrale) ed alla madre di Sally Hawkins (che brava). Cosa succederà al nostro tenero Paddington? Adattamento alla vita borghese (l’orsetto è un casinaro suo malgrado a differenza del volontariamente punk Ted), amicizia con i figli Brown, ricerca dei discendenti di quell’esploratore che incontrò i suoi zii (brillante l’idea di sfruttare il cappello come indizio) e… sopravvivenza. Eh già… perché il film ha una marcia in più: Nicole Kidman. Con gelido capello a caschetto biondo da nazista (o Raffaella Carrà), la Kidman è molto sexy e realmente cattiva nei panni di una signora che vuole uccidere Paddingotn. Avete capito bene. Non rapire, non minacciare, non venderlo a uno zoo o rubargli la marmellata. Lei vuole proprio ucciderlo e lo dice ogni tre per due. C’è la motivazione? Sì. Ed è grossa come una casa. Veramente una psicopatica supersexy in stile Malefica o Crudelia De Mon questa letale signora Millicent. Dispiace veramente che la Kidman non sia stata mai così convincente ne La bussola d’oro. Ma evidentemente mancava un tocco bizzarro ed estremamente sofisticato come quello di Paul King alla regia. E’ un cineasta che, dopo Paddington, terremo molto sott’occhio. Il film è un’avventura per bambini mai stucchevole (a differenza del nostro Il ragazzo invisibile) perfettamente in target con un pubblico che si vuole conquistare (sempre a differenza del nostro Il ragazzo invisibile) attraverso la dolcezza dell’orsetto, la sua innata simpatia ma anche una bella dose di azione e avventura anche grazie a un villain riuscitissimo e accattivante come la bionda Millicent. Davvero un gran bel film. Come Ted. Ma allora… perché scegliere per forza tra lui e Paddington e non prenderli tutti e due? Anzi rilanciamo: vogliamo gli Avengers degli orsetti in cgi. Vogliamo presto una cross production dove Paddington & Ted possano vivere insieme un’avventura. Sai che ficata? Nota: Francesco Mandelli è molto bravo nell’essere irriconoscibile come voce italiana di Paddington. Complimenti per la scelta e per come la si è adattata al tono del film. (Francesco Alò, 'badtaste.it', 27 dicembre 2014)

Attori






Trailer & Foto

                             
                             
                             

Nelle Sale della tua Città

Città
Date
Cinema Visualizza mappaVisualizza tabella Orari

Lascia un Commento










In risposta a

immetti il tuo Nome.


Se vuoi ricevere la segnalazione alle risposte o commenti lascia la tua mail (non sarà visibile nel post)

Immetti il messaggio post.