The Departed Il Bene E Il Male

1 http://www.myhomevideo.it/COVER/The Departed Il Bene E Il Male Num 01.jpg
Il tuo Voto :

149 min

Origine: USA

Anno Produzione: 2006

Genere: DRAMMATICO

Data Uscita: ottobre 27, 2006

Regia: MARTIN SCORSESE

Tratto Da:

Produzione: MARTIN SCORSESE, JENNIFER ANISTON, BRAD PITT E BRAD GREY PER CAPPA PRODUCTIONS, PLAN B PRODUCTIONS INC., VERTIGO ENTERTAINMENT, WARNER BROS.

Distribbuzione: MEDUSA

Sceneggiatura: WILLIAM MONAHAN

Fotografia: MICHAEL BALLHAUS

Musiche: HOWARD SHORE

Montaggio: THELMA SCHOONMAKER

Scenografia: KRISTI ZEA

Effetti: STEVEN KIRSHOFF

Costumi: SANDY POWELL

Film uscito Add to watchlist



Trama

A South Boston il Dipartimento di Polizia del Massachusetts dichiara guerra alla criminalità organizzata nel tentativo di distruggere il dominio del boss mafioso Frank Costello. Un giovane poliziotto del luogo viene mandato in incognito tra le fila della gang ma nello stesso tempo un membro di una banda malavitosa viene scelto per infiltrarsi nella polizia di Boston. Tutti e due hanno il compito di scoprire i piani e i segreti delle due organizzazioni. Costretti entrambi ad una doppia vita, si impegnano in una folla lotta contro il tempo in cui, per salvarsi la vita, ognuno dei due deve evitare di essere scoperto mentre cerca di scoprire l'identità dell'altro.

La recensione del film di MARTIN SCORSESE

"'The Departed - Il bene e il male' di Martin Scorsese smentisce che la Festa di Roma, dove è stato presentato ieri, sia il 'deposito-rifiuti' della Mostra di Venezia, come sostiene il suo direttore, Marco Müller. Infatti il film di Scorsese è uno dei rari a meritare quattro stelle sia di giudizio di critica, sia di affluenza di pubblico. (...) Meno verboso di 'Mean Streets', 'Quei bravi ragazzi' e 'Casinò', 'The Departed' è montato magistralmente da Thelma Schoonmaker, che ha un'età, ma dà al film il ritmo giusto per il pubblico giovanile, senza far perdere il filo nei rovesciamenti di fronte. The Departed è anche uno dei rari film che ha la fine nel titolo e il senso nel sottotitolo recita: 'Il bene e il male'. L'uno e l'altro insieme, non 'Il bene o il male'. Simili fisicamente, coetanei, abiti diversi ma colori uguali, i due sono contemporaneamente dr. Jekyll e Mr. Hyde. (...) Al terzo film consecutivo con Scorsese, Di Caprio diventa più essenziale. Jack Nicholson, per una volta, fa tutto senza strafare mai. Già in un ruolo di Doppio nel 'Talento di Mr. Ripley' di Anthony Minghella, altro film da festival (Berlino), Damon incarna l'antagonista che Scorsese non proclama apertamente vincitore del confronto. Ma solo lui avrà progenie, dettaglio significativo in una vicenda di cattolici. Omaggio/oltraggio alla provenienza cinese del soggetto, Scorsese e lo sceneggiatore William Monahan mettono Nicholson a truffare agenti segreti di Pechino. Ma il cattivo dei cattivi non sono il bandito o il poliziotto del Massachusetts o le spie della Cina. È qualcuno che non si vede mai: l'Fbi, matrice dell'incubo ad aria condizionata dove tutti odiano tutti." (Maurizio Cabona, 'Il Giornale', 16 ottobre 2006) "Una vera fortuna per il cinema (e per tutti noi) che Martin Scorsese sia tornato ai tempi di 'Quei bravi ragazzi' ed anche (un po') a quelli di 'Gangs of New York'. Con tanto mestiere in più e con una capacità di muoversi dietro alla macchina da presa che si è sempre apprezzata fin dai tempi di 'Mean Street', adesso però con una padronanza, una forza, una vitalità come in pochi a Hollywood mostrano di avere. (...) Scorsese ha retto le fila di questo intrigo sanguinoso in modo tale che quasi non concede il minimo respiro. Con le reciproche angosce dei due infiltrati, la descrizione affannatissima degli ambienti in cui l'uno e l'altro si muovono, portando la violenza al diapason ma non disdegnando, nei dialoghi, pur votati a un iperrealistico turpiloquio, delle puntate verso l'umorismo che comunque, anche quando fanno sorridere, non attenuano l'ansia, le tensioni e l'arsura del contesto. Con immagini durissime e un continuo, rapidissimo alternarsi degli episodi riferibili all'uno e all'altro degli infiltrati che riesce sempre, senza sforzo, a prendere alla gola. Come tutto il film, del resto, e, in un certo senso, come quei due attori protagonisti mai fino ad oggi così incisivi. Billy, l'infiltrato tra i gangster, è un Leonardo Di Caprio, aggressivo, esasperato, furioso, come ancora non si era visto. Di fronte a lui, e contro di lui, Matt Damon, l'infiltrato tra i poliziotti, si impone con una costante, perversa ambiguità. Carica di ombre nere. Il boss è Jack Nicholson, un monumento al male." (Gian Luigi Rondi, 'Il Tempo', 15 ottobre 2006) "Ispirato fedelmente a un successo di Hong Kong che ha già generato altri due episodi e un paio di spin off ('Infernal Affairs' di Andrew Lau ed Alan Mak), 'The Departed' ha una trama così perfetta che sembra un cristallo. Per giunta molte fra le scene più spettacolari, se non lo stile inimitabile, vengono dritte dall'originale. Eppure il film di Scorsese, scritto strepitosamente da William Monahan, non sembra neanche un momento un remake. Questione di 'densità'. Solo Scorsese, che da molti anni non era così in forma, sa sorprenderci di continuo usando in simultanea tutti gli elementi che fanno un film, luci, dialoghi, riprese, dettagli, montaggio ma anche di 'accento'. Nel film asiatico prevalgono azione e suspense, ovvero il moltiplicarsi di sottotrame e doppi giochi. Qui sono i personaggi e le loro motivazioni a trasformare quello che potrebbe essere solo un travolgente film d'azione in una tragedia moderna. (...) Basterebbero i suoi incontri con l'uno e con l'altro, così diversi, a dare un'idea della complessità messa in campo da Scorsese in questo film che alterna pieni e vuoti, accelerazioni e sospensioni, con maestria assoluta. Creando intorno ai suoi protagonisti tutto un mondo eccentrico e spietato di tagliagole, cravatte leopardate, citazioni impreviste (Freud, Joyce, Hawthorne...), cellulari impazziti (lo sbirro Alec Baldwin, che finalmente può intercettarli: 'Dio come amo il Patriot Act'). Rabbia, ironia, affanno esistenziale: 'The Departed' declina in chiave americana (e cattolica) l'angoscia identitaria che a Hong Kong è pane quotidiano. Ma lo fa con un tale miracoloso equilibrio e con un senso dello spettacolo così frenetico e contemporaneo che agli Oscar quest'anno, se avessero un po' di spirito, dovrebbero mandare gentilmente tutti a casa e coprire di Oscar solo Scorsese e il suo film. Sarebbe anche una giusta riparazione." (Fabio Ferzetti, 'Il Messaggero', 16 ottobre 2006) "Scorsese rifà un film di Hong Kong per raccontare lo scontro eterno tra verità e menzogna e punta tutto su tre attori in stato di grazia." (Paolo Mereghetti, 'Corriere della Sera', 16 ottobre 2006) Vedi se il film è attualmente in programmazione

Attori






Trailer & Foto

                             

Nelle Sale della tua Città

Città
Date
Cinema Visualizza mappaVisualizza tabella Orari

Lascia un Commento










In risposta a

immetti il tuo Nome.


Se vuoi ricevere la segnalazione alle risposte o commenti lascia la tua mail (non sarà visibile nel post)

Immetti il messaggio post.