Zero Dark Thirty

4,40 http://www.myhomevideo.it/COVER/Zero Dark Thirty Num 02.jpg
Il tuo Voto :

157 min

Origine: USA

Anno Produzione: 2012

Genere: DRAMMATICO, STORICO, THRILLER

Data Uscita: febbraio 07, 2013

Regia: KATHRYN BIGELOW

Tratto Da:

Produzione: MARK BOAL, KATHRYN BIGELOW, MEGAN ELLISON PER ANNAPURNA PICTURES

Distribbuzione: UNIVERSAL PICTURES INTERNATIONAL ITALY (2013)

Sceneggiatura: MARK BOAL

Fotografia: GREIG FRASER

Musiche: ALEXANDRE DESPLAT

Montaggio: DYLAN TICHENOR

Scenografia: JEREMY HINDLE

Effetti: RICHARD STUTSMAN

Costumi: GEORGE L. LITTLE

Film uscito Add to watchlist



Trama

Ispirato a fatti realmente accaduti, narra le vicende relative al gruppo di specialisti della CIA e al team di Navy SEAL - forze speciali della Marina Statunitense - che, per oltre dieci anni e in gran segreto, hanno lavorato a un'operazione di sicurezza militare finalizzata a un unico obiettivo: scovare ed eliminare Osama Bin Laden. La storia è raccontata attraverso gli occhi di Maya, una giovane agente della CIA specializzata nella cattura di terroristi. Le sue intuizioni, la determinazione e la sua lotta contro le paure e le incertezze dell'apparato burocratico, hanno messo la parola fine sulla caccia all'uomo che ha minacciato il mondo e preoccupato due Amministrazioni Presidenziali americane per più di un decennio.

La recensione del film di KATHRYN BIGELOW

"Il vero tema: l'assuefazione alla morte, l'azzeramento della coscienza, il considerare il nemico come un alieno come lo erano surfisti rapinatori in maschera e vampiri nel cinema di questa autrice che non fa sconti a certi comandamenti. 'Zero Dark Thirty', 2 ore e 37', è un film straordinario per ritmo, tensione interna, suspense politico-ideologica, come un thriller di cui conosciamo la fine ma che seguiamo con partecipazione totale. A certi politici e soprattutto alla Cia non è piaciuta la parte delle torture inflitte dagli yankees ai soliti sospetti, i disumani interrogatori, ma gli orizzonti di gloria, vedi Kubrick, sono lastricati di incubi e follie. La missione impossibile è raccontata nei dettagli dalla sceneggiatura di Mark Boal, è un diario di bordo, verosimile nei codici, nelle pratiche, lontano da Washington ma vicino a chi questo sporco lavoro l'ha fatto: la scena dell'attacco è girata con un montaggio che diventa muta angoscia. E' la storia di un'ossessione che prende anche le strade di Londra (bombe in bus e metrò), ma non si tramuta in soddisfazione per l'avvenuto finto happy end e lascia aperto il finale a quello che accadrà domani. Opera non consolatoria ma intelligente, critica sulla tentazione di diventare un individuo sopra la Storia. Per chi volesse banalizzare anche la rivalsa di una milite nota nel rubare ai maschi la scena di guerra, guardando alla considerazione che il fondamentalismo islamico dimostra verso le donne. E che Jessica Chastain (e con lei Gandolfini), scoperta da Malick, sia strepitosa speriamo lo confermi presto l'Oscar." (Maurizio Porro, 'Il Corriere della Sera', 7 febbraio 2013)

Attori






Trailer & Foto

                             
                             
                             
                             
                             
                             
                             

Nelle Sale della tua Città

Città
Date
Cinema Visualizza mappaVisualizza tabella Orari

Lascia un Commento










In risposta a

immetti il tuo Nome.


Se vuoi ricevere la segnalazione alle risposte o commenti lascia la tua mail (non sarà visibile nel post)

Immetti il messaggio post.